Cortandone

Tre tonnellate falso argento, 16 denunce

Ferro, rame e nichel. Di questo erano composte le oltre tre tonnellate di falso argento sequestrate dalla guardia di finanza di Torino in alcune attività commerciali del capoluogo. Cinquemila vassoi, candelabri, bicchieri, coppe, ma anche accessori d'abbigliamento, falsamente etichettati in Argento ma che del pregiato metallo non avevano nulla. Articoli che, a contatto con la pelle, avrebbero potuto rivelarsi pericolosi per la salute. Sono sedici gli imprenditori, tutti di origine cinese e marocchina, denunciati per frode in commercio. Le indagini dei Baschi Verdi del Gruppo Torino, coordinate dal Pool Tutela del Consumatore della locale Procura della Repubblica, hanno ricostruito l'intera filiera distributiva del falso argento. Il materiale sequestrato - del valore di un milione di euro - era stato importato clandestinamente da Belgio e Francia con carichi di 'copertura', utilizzando mezzi 'leggeri' per evitare i controlli.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie